Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Storia di Cooper

Cooper Industries è stata fondata nel 1833 dai fratelli Charles ed Elias Cooper. La società ha iniziato come una fonderia situata a Mt. Vernon, Ohio, e fu inizialmente chiamata C&E Cooper Company. L’offerta iniziale dei prodotti di Cooper includeva aratri, abbeveratoi, caldaie e stufe. Dopo la metà del XIX secolo, la società spostò la propria attenzione alla fabbricazione di macchine a vapore, nella speranza di sfruttare la crescente tendenza del Paese verso il trasporto ferroviario. Fu durante questo periodo che l'azienda sviluppò il motore a trazione Cooper, un'innovazione che è accreditata per aver contribuito a sviluppare il cambiamento della nazione da una società agricola a una società industriale.

Alla fine del 1800, quando ci fu una diminuzione nell’uso di motori a vapore, Cooper spostò nuovamente il proprio campo di azione, questa volta sulla tecnologia del motore a gas. Dopo la metà del XX secolo, Cooper Industries era diventata leader nazionale nei motori a gas, prodotti che hanno permesso lo sviluppo della crescente industria petrolifera e del gas. Questo periodo è stato anche caratterizzato dalla fusione storica con Bessemer Gas Engine Company, che è tuttora il riferimento nel simbolo azionario di Cooper (CBE).

Negli anni ‘40 Cooper svolse un ruolo fondamentale negli armamenti per gli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale, fornendo componenti del motore utilizzati su quasi tutte le navi della flotta dragamine della Marina, così come le famose navi Liberty, che portavano il 75% delle merci utilizzate dalle forze armate alleate. Dopo la guerra, Cooper ha nuovamente intrapreso un percorso di diversificazione in un'economia mondiale in cambiamento. Poiché l'azienda voleva cercare di ampliare il suo portfolio prodotti, Cooper allargò la sua offerta in prodotti elettrici, apparecchiature di energia elettrica, prodotti per automobili, strumenti e hardware. Acquisizioni fondamentali durante questo periodo furono l’accorpamento di Crouse-Hinds (1981) e McGraw-Edison (1985).

Nell'ultimo decennio del XX secolo Cooper ha subito un periodo di razionalizzazione del portfolio, riducendo il proprio raggio d’azione a settori più ciclici, come il mercato automobilistico e del petrolio. In definitiva, Cooper ha focalizzato i propri interessi sui due segmenti che rimangono tuttora nel portfolio dell’azienda: prodotti elettrici e soluzioni per l’energia e per la sicurezza. Oggigiorno Cooper sta entrando in un'epoca di eccellenza operativa, si sta concentrando sullo sviluppo di iniziative strategiche, atte al miglioramento delle pratiche di gestione, al rafforzamento dello stato patrimoniale e al trasferimento del proprio portfolio di prodotti su piattaforme tecnologiche chiave. Come risultato, Cooper Industries è ottimamente posizionato per una crescita sostenuta negli anni a venire.